Cantine d’Italia

La Guida Cantine d’Italia 2022 edita da Go Wine Editore invita il lettore al viaggio verso i luoghi del vino, ovvero alle cantine. Il vino è prima di tutto storia di persone, luoghi, anima la vita sociale di molti territori. Quasi sempre dietro un grande vino c’è un progetto importante, ci sono persone di qualità. Cantine d’Italia cerca di dar voce a tutto questo: si giunge ai vini attraverso il racconto, per arrivare in cantina e conoscere qualcosa in più dei protagonisti che desideriamo incontrare… Per ogni cantina una pagina ricca di notizie: dall’anagrafica aziendale ai dati sulla produzione, ai referenti interni da contattare; dai giorni e agli orari di visita, ai principali vini da conoscere.

Cantine d’Italia

E’ stata presentata Giovedì 2 dicembre 2021 all’Hotel Melià di Milano

Guida dedicata alle cantine che “valgono il viaggio”. Oltre 800 cantine italiane recensite, interviste a uomini e donne del vino, eventi da vivere e i vini da gustare, locali dove dormire e dove mangiare in tutte le regioni d’Italia per una guida sempre più indispensabile per il turista del vino.

La Cantina della settimana

BARBA FRATELLI – Situata nella zona Nord dell’Abruzzo lungo la vallata del fiume Vomano e sulle colline circostanti, l’azienda si estende su circa 680 ettari di proprietà della famiglia Barba. In questo frastagliato contesto produttivo i vigneti aziendali sono distribuiti nelle contrade più vocate del territorio – Colle Morino, Casal Thaulero, San Lorenzo. La cantina è attenta all’ambiente e segue una coltivazione volta al biologico, non certificato. Da anni si avvale del fotovoltaico per l’energia. Da segnalare l’attività di ricerca nella zona di Colle Morino, su vigne di oltre vent’anni. La sosta nella cantina dei fratelli Barba è un’occasione preziosa per un giro d’orizzonte sulle diverse anime dell’azienda, cui fanno capo tutte le varie attività produttive: va infatti ricordato che i circa 160 ettari delle colture praticate sono ripartiti tra vigneti, frutteti e piante da legno. E che alle produzioni zootecniche sono destinati ben 400 ettari complessivi! L’ospitalità turistica in immobili rurali ristrutturati completa il quadro d’insieme della cantina.

A Ponente, oltre Sanremo, a pochi chilometri dalla Francia. Il nome di questo vino non deriva dal colore rosso, ma dalla parola francese “rochè” ad indicare il terreno su cui viene coltivato. Dolceacqua è il luogo di elezione; Filippo Rondelli prosegue una storia iniziata nel 1870 con i primi impianti nella Valle Nervia. Primo vino ligure ad aver ottenuto la doc (1972). Lo proponiamo nella versione classica, vigne mediamente di 30 anni, coltivate a terrazze a 350-450 mslm.

Video della settimana
Vino della settimana

Rossese di Dolceacqua – Terre Bianche

A Ponente, oltre Sanremo, a pochi chilometri dalla Francia. Il nome di questo vino non deriva dal colore rosso, ma dalla parola francese “rochè” ad indicare il terreno su cui viene coltivato. Dolceacqua è il luogo di elezione; Filippo Rondelli prosegue una storia iniziata nel 1870 con i primi impianti nella Valle Nervia. Primo vino ligure ad aver ottenuto la doc (1972). Lo proponiamo nella versione classica, vigne mediamente di 30 anni, coltivate a terrazze a 350-450 mslm.

Evento

Festa dei Vini Autoctoni del Piemonte

22 Mag 2022
Piazza Duomo e Via Cavour, Alba
Ritorna nel centro storico di Alba l’evento di degustazione Go Wine che celebra i vini autoctoni del Piemonte, raccontati dai loro produttori!
Leggi il programma

Le ultime notizie

Iscriviti alla newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle nostre iniziative

Menu