18 aprile 2022 – Avrebbe compiuto 84 anni a maggio

Addio a Dino Darensod, fondò la Cave des onzes Communes e la guidò per 30 anni

«Quando il mio tempo sarà finito potrete ritrovarmi nelle vigne in cui sono cresciuto e vi proteggerò ad ogni passo che farete, ogni giorno». Sono le parole che Dino Darensod, presidente per quasi 30 anni della Cave des onzes Communes di Aymavilles, aveva dedicato ai nipotini davanti alle telecamere del regista Davide Bongiovanni per il progetto «Memorie di terra», nel 2020. Darensod è morto il 17 aprile a casa sua, in frazione Moulin a Aymavilles. Avrebbe compiuto 84 anni a maggio. Vedovo da una decina d’anni, lascia i tre figli Stefania, Melania e Attilio e sette nipotini.

«La sua è stata una carriera lunga e felice, con una splendida famiglia» dice André Gerbore, vice presidente della Cave e amico. «Ci dividevano 50 anni e un giorno – dice Gerbore -. Perdiamo una persona speciale, un uomo molto tenace e capace di forgiare gli animi, un ambasciatore della Valle d’Aosta che ha lavorato usando positività e gentilezza». Fondatore della Caves e presidente dal 1994 (dopo il pensionamento dalla Sip), «ha fatto passare l’azienda da 500 quintali di uva a 5.500, decuplicando i conferimenti». Per diversi anni è stato anche consigliere comunale di Aymavilles, ha ricoperto numerosi incarichi di amministratore nel settore della promozione e della commercializzazione dei prodotti valdostani, tra le altre nelle società Conproval e Cofruits.

Per lui, Chevalier de l’Autonomie nel 2018, anche il cordoglio dei presidenti della Regione e del Consiglio Valle che lo ricordano «infaticabile ambasciatore delle eccellenze enogastronomiche valdostane, appassionato e innovatore protagonista della viticoltura di montagna, grande lavoratore al servizio di tutta la comunità».

Fonte: La Stampa

Menu