Home rubriche
Rubriche


Collalto promuove l'educazione al vino Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Martedì 24 Gennaio 2017 16:42

Dai corsi di potatura a quelli per diventare sommelier, la Cantina Conte Collalto di Susegana punta sull’istruzione e la formazione per trasmettere quella passione per il vino che la contraddistingue fin dalla sua nascita risalente a più di mille anni fa. (http://www.cantine-collalto.it)

Il prossimo corso avrà come tema: "Dal lavoro sulle viti a quello sul prodotto finale: il Sommelier". Le lezioni saranno utili per preparare gli esperti del futuro. Inizierà il 28 febbraio con un esclusivo ciclo di 10 incontri di Terzo Livello appositamente organizzato dalla Fisar (Federazione Italiana Sommelier, Albergatori e Ristoratori) di Treviso. Dalla metodologia agli abbinamenti con un momento dedicato allo studio dell’alimentazione, il corso ogni sera tratterà un tema diverso: si parte con gli antipasti per poi passare ai primi, ai secondi, dolci, formaggi fino ad arrivare al gran finale che avrà come protagonista la cucina del territorio e le diverse combinazioni possibili.
Sede degli appuntamenti la Cantina Collalto.

 

Per informazioni contattare Davide Bonetti al 3498094221 o scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 
BRUT MILLESIMATO Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 20 Gennaio 2017 17:24

Donnafugata (nel Comune di Marsala, Sicilia, tel. 0923 724245)

 

Il desiderio di sperimentare e creare è fra i must di questa cantina, sicuramente fra le più note in assoluto in Italia. L’etichetta che segnaliamo riguarda la tipologia spumante e un prodotto in uscita dal 2016 con il millesimo 2012. Un metodo classico in stile siciliano, espressione di uve chardonnay e pinot nero coltivate nella Tenuta di Contessa Entellina su terreni posi ad altitudini significative (470-500 mslm). Una bottiglia accattivante anche nella confezione, come la donna ritratta in etichetta. 30 mesi sui lieviti e un prodotto che al primo assaggio conferma l’affidabilità che riguarda i vini di questa cantina. Bel colore giallo brillante, complessità olfattiva e beva piacevole contraddistinguono il calice, con un’etichetta destinata a confermare che la Sicilia è una  terra del vino grande e versatile, e può sorprendere anche nella tipologia spumante.

 

Vitigno: Chardonnay e Pinot Nero. Prezzo medio in enoteca: 26 euro

 
TERRE BIANCHE Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
Venerdì 20 Gennaio 2017 00:00

Località Arcagna – 18035 Dolceacqua (IM)
tel +39 0184 31426 - fax +39 0184 31230
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.terrebianche.com

 

Ettari vitati complessivi: 8,5
Numero bottiglie prodotte all’anno: 60.000

 

Come arrivare: Autostrada dei Fiori A7, uscita Bordighera, direzione Dolceacqua, dopo la quale, superati due bivi, s’incrocia la segnaletica aziendale

Persona da contattare: Filippo Rondelli
Orario visite: dal lunedì al venerdì: 8-12.30 e 14.30-17. Sabato e domenica: 9-12. Chiuso novembre e febbraio.

 

L’azienda è storicamente legata alla figura di Tommaso Rondelli che decise di impiantare i primi vigneti di rossese, vitigno autoctono a bacca rossa della zona della Val Nervia. Ai vigneti si aggiunsero gli uliveti di varietà taggiasca. L’attuale titolare, Filippo Rondelli, ha sostituito nella conduzione aziendale il padre Claudio, responsabile con Franco Laconi dell’ampliamento aziendale negli anni 1985-1998. Luogo di sogno e di luce sull’antica strada del sale, nella zona del Parco Naturale delle Alpi Liguri, la tenuta della famiglia Rondelli abbraccia il visitatore con visioni d’incanto: il panorama sul borgo e il Castello di Dolceacqua, incrociando sullo sfondo il mare; la zona delle Terre Bianche, dove i vigneti di rossese, pigato e vermentino guardano i meravigliosi e profondi calanchi in argilla, coronati sulla cima da pini secolari. Dopo una visita alla cantina, un tempo caserma, concedetevi un soggiorno nei casolari persi nella macchia mediterranea dell’agriturismo aziendale, tra vini e oli, dehor e maneggio, escursioni a piedi o in moutain bike. Di recente vi è stata una ristrutturazione dei locali, convertendo le camere dell'agriturismo in appartamenti, ciascuno dotato di cucina, salottino, camera da letto e bagno. Con diverse opzioni di appartamenti, a seconda degli ospiti. La squisita accoglienza è arricchita anche da un ristorante interno, aperto solo alla sera, in cui assaggiare il meglio delle specialità locali.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Newsletter Go Wine


Vuoi essere informato sui numerosi
eventi enoturistici Go Wine?
Allora iscriviti alla newsletter

Cerca nel sito

Questo sito utilizza cookie per offrire agli utenti servizi e funzionalità avanzate. Per maggiori informazioni leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.