Home Go Wine Roma La Salsamenteria di Roberto Mangione tra i partner di "Buono.. non lo conoscevo!"
La Salsamenteria di Roberto Mangione tra i partner di "Buono.. non lo conoscevo!" Stampa E-mail
Scritto da Redazione    Sabato 14 Settembre 2013 12:24

.. tra i partner di Go Wine all'evento "Buono... non lo conoscevo!" di Roma

LA SALSAMENTERIA

Via Monti Parioli, 31 b-c Roma
Tel. 06 32111318
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

La Salsamenteria nasce nel cuore dei Parioli come salumeria e norcineria nel 1955, il proprietario dell’epoca improntò l’attività come negozio tradizionale di zona. Nel 2001 Roberto Mangione, l’attuale proprietario, ha rilevato l’attività e, seguendo tradizione e passione, ha iniziato a proporre prodotti ricercati. Nel 2006 Roberto decide di ristrutturare il negozio che, fino ad allora, era rimasto stile anni ’50, elimina il retrobottega, ormai superfluo, e crea un ambiente unico, un unico grande ambiente in cui incastona ricercatezze e specialità, talvolta anche in maniera disordinata, ma tutte con le spalle abbastanza cariche di storia e di aneddoti.
Le esperienze e le prove, le ricerche continue e, soprattutto, la grande attenzione alle esigenze dei clienti hanno fatto si che La Salsamenteria di Via Monti Parioli sia un concentrato di prelibatezze enogastronomiche di altissimo livello qualitativo.
La cantina vanta oltre cento 150 etichette di champagne, tra piccoli Vigneron e grandi Maison, 250 etichette di vini, di cui una cinquantina francesi, 90 birre artigianali, spiriti e distillati vari.

La salumeria propone prodotti classici e tipici della tradizione italiana con qualche presenza estera. I prosciutti crudi sono il vanto della Salsamenteria, varietà di razze riscoperte e storiche di varie stagionature, il Nero di Parma, la Mora Romagnola, il Vecchio Sauris, il Patanegra, il Mangaliça, il Cinta Senese, il Toscano oltre ai vari Parma e San Daniele; numerosi gli insaccati artigianali, anatra, oca e selvaggina, per sfociare poi nell’assortimento di formaggi di cui si contano oltre 120 referenze italiane e circa 50 francesi: Bitto storico, Bettelmatt di alpeggio 2011, Castelmagno di alpeggio 2010, Parmigiano Reggiano delle Vacche Rosse, robiole piemontesi a latte crudo, varietà di provoloni e paste filate artigianali, Camembert, Saint Felicien, Crotin di Chavignol, Mimolette, Brie a latte crudo, Roquefort e tante altre delicatezze di latte.
Eccellenti gli affumicati di pesce tra i quali il salmone selvaggio White king e il caviale, assortimento di foie gras fresco e in scatola. Numerose le salse, le mostarde e le confetture. Assortimento di olii di altissima qualità provenienti da diverse zone d’Italia.



I prodotti che accompagneranno la degustazione del 24 settembre a Roma, raccontati da Roberto Mangione:

VERDE DI MONTEGALDO:


Materia prima: Latte biologico caprino e ovino pastorizzato

Aspetto: Il prodotto si presenta di colore bianco avorio con piacevoli venature di muffe selezionate.
Morbido, quasi cremoso.

Sapore: Dolce, con leggere note animali e spiccati aromi lattici.

Curiosità: La Capreria è un'azienda agricola situata a Montegalda in provincia di Vicenza in una zona pianeggiante a ridosso dei Monti Berici. Oltre alla trasformazione del latte 'La Capreria' produce direttamente la maggior parte del foraggio necessario all'alimentazione delle 200capre allevate. L'alimentazione degli animali esclude l'utilizzo degli insilati di mais ed ha viceversa come alimento principale il fieno di prato stabile integrato dal pascolamento in prati recintati; è questo tipo di foraggiamento, un tempo praticato normalmente dalle aziende zootecniche del nostro territorio che li caratterizza.

GRILLO DI COLMAJOR:

Materia prima: Latte vaccino crudo

Aspetto: Ha una crosta di colore bianco-rosato. La pasta è cremosa, di colore bianco-avorio, con occhiatura rada e irregolare.

Sapore: Il sapore è dolce, leggermente sapido, con sentori di panna, burro e foraggi.

Curiosità: La Bruna Italiana ha uno sguardo dolce e un temperamento molto docile, l'aspetto è armonioso e il mantello di colore bruno. E' una razza a duplice attitudine. Ha una consistenza di 570.000 capi sul territorio nazionale di cui 343.000 vacche, contro gli oltre 3 milioni di capi di razza Frisona. Ancora oggi il maggior numero di allevamenti è situato in zone particolarmente sfavorite di montagna e collina. Produce circa 7000 litri di latte per ciclo di lattazione (circa 23 litri al giorno). Il latte di questa razza è particolarmente ricco in grasso e proteine, quindi di qualità migliore; inoltre il reticolo caseoso trattiene più grasso e più proteine, aumentando così la resa in caseificazione (fino a 1 kg di formaggio in più ogni 100 litri di latte). Il Grillo di Colmajor fa parte del progetto 'Formajele Trevisane', progetto promosso dall'ONAF e dalla Fondazione Cassamarca, per valorizzare i formaggi a latte crudo del Trevigiano. Il nome si rifà all'altura che si trova vicino al caseificio e che si chiama Col Major.

SALAME FRIULANO:

Materia prima: Carne di suini nazionali

Aspetto: La fetta presenta un giusto equilibrio fra la parte magra più rosata e quella grassa tendente al bianco, la grana è media e la pasta morbida

Sapore: Dolce e delicato con leggeri profumi di vino e pepe.

Curiosità: Quando abbiamo conosciuto Stefano e il papà Agostino siamo rimasti piacevolmente colpiti dalla serietà che mettono nella trasformazione delle carni, dalla trasparenza e soprattutto dalla passione per il loro lavoro. La scelta di lavorare a 'caldo' le carni dei suini allevati a 20 km dal salumificio ci è molto piaciuta perchè è vicina alla tradizione dei nostri contadini che allevavano il maiale e lavoravano subito le carni.

SOPRESSA FRIULANA:

Materia prima: Carne di suini nazionali

Aspetto: La forma è quella classica della sopressa, ma con un diametro inferiore rispetto a quella veneta, la fetta presenta un giusto equilibrio fra la parte magra più rosata e quella grassa tendente al bianco, la grana è media.

Sapore: Dolce e delicato con leggeri profumi di vino e pepe.

Curiosità: Lovison sceglie per i suoi salumi, suini di un certo peso e con una buona percentuale di grasso poichè vuole che i suoi insaccati siano assolutamente morbidi anche se stagionati.

…ed il PANE

PANE CASERECCIO DI GENZANO (IGP)

Pane casareccio di Genzano (IGP) è il nome di un prodotto di panetteria ad Indicazione geografica protetta.
L'Indicazione Geografica Protetta Pane Casareccio di Genzano si riferisce al prodotto di panetteria ottenuto da farina di ottima qualità di tipo 0 o 00, lievito naturale, sale, acqua e cruschello di grano. Il prodotto finito, estremamente leggero, si presenta nella classica forma a pagnotta tonda o in filone, con crosta scura e fine, mollica soffice e fortemente occhiata, dal profumo di cereale.
La zona di produzione del Pane Casareccio di Genzano IGP è limitata al territorio del comune di Genzano di Roma, in Provincia di Roma, nella regione Lazio.
A seconda della forma si possono distinguere le seguenti tipologie, così come immesse in commercio:
Filone: rotondo e lungo.
Pagnotta: con “baciature” evidenti ai lati.

PANE CASERECCIO DI LARIANO (MCG)

È un tipo di pane casareccio prodotto a Lariano. Gli ingredienti principali sono la farina integrale, la farina "00", l'acqua e il lievito naturale. La cottura avviene nel forno a legna con le fascine di castagno.
Noto da sempre in tutta la zona dei Castelli Romani e a Roma, questo pane si caratterizza per l'uso del lievito naturale, la farina di grano tenero semintegrale e la cottura nel forno a legna. La lievitazione è ottenuta con lievito madre e con un poco di lievito di birra. Si impastano gli ingredienti per circa 40 minuti dopo di che si lascia lievitare per un'ora. Il pane viene poi spianato, modellato in forma di pagnotte grandi o filoni dal peso di circa 1 o 2 chili, riposto in casse di legno, spolverato con cruschello o tritello e coperto con teli di canapa, dopo un certo periodo di tempo in cui avviene la seconda lievitazione si procede alla cottura rigorosamente ottenuta mediante il forno a legna di castagno per circa un'ora e venti.
Il Pane di Lariano si fregia del marchio collettivo geografico (MCG) ottenuto dall’impegno dei panificatori del territorio dell’Associazione ”Pane di Lariano”

 

Newsletter Go Wine


Vuoi essere informato sui numerosi
eventi enoturistici Go Wine?
Allora iscriviti alla newsletter

Cerca nel sito

Prossimi eventi a Roma

No current events.

Eventi Go Wine a Roma

Cantine d'Italia 2020

Mercoledì, 19 Febbraio 2020

News image

GIOVEDI' 2 APRILE 2020Savoy Hotel - Via Ludovisi, 15 – ROMA “CANTINE D’ITALIA 2020” Evento di degustazioneUna serata dedicata alla Guida Cantine d’Italia 2020, un’occasione non solo per presentare nella Capitale la ...

La Sardegna del Vino

Martedì, 28 Gennaio 2020

News image

I vini autoctoni dell’isola, le storie di uomini e donne del vino LUNEDI' 10 FEBBRAIO 2020Hotel Savoy, Via Ludovisi 15 - RomaL’associazione Go Wine inaugura l’attività in Hotel a Roma per ...

Associazione Go Wine

 

 

Sede Nazionale di Alba

Ufficio Soci

 

Per informazioni: ufficio.soci@gowinet.it

Questo sito utilizza cookie per offrire agli utenti servizi e funzionalità avanzate. Per maggiori informazioni leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.